Torna alla pagina principale  

Marcello Isidori (Roma 1964) vive a Roma con la moglie (Maria Luisa) e i tre figli (Andrea, Claudia e Francesco).

Comincia a scrivere per il teatro nel 1986 mettendo in scena, con una compagnia amatoriale, i seguenti testi: "La soffitta" (1986), "il diario di papà" (1987), "La mesticanza" (1989), "La bottega di Borrone" (1990), "La predizione" (1992), "Il villaggio nel deserto" (1993). 

Nel 1996 con "Le regole del gioco", vince il Premio speciale della Giuria alla "I Rassegna di Drammaturgia Emergente".

Scrive nel 1997 "L’ospite" allestito con la regia di Chiara Casarico al Teatro Furio Camillo e nel 1999 con la regia di Pierfrancesco Ambrogio al Teatro Tirso, nel 1998 "Terremoto", allestito da Gianluca Bondi nella rassegna "Palcoscenico d'ottobre" e nell'estate del 1999 presso la Festa dell'Unità a Roma. 

Sempre nel 1998 scrive "le linee di Nazca", finalista, come miglior testo, alla "III Rassegna di Drammaturgia Emergente" con la regia di Alexia Murray (1999), rappresentato al Teatro Quirino nell'ambito delle giornate della Drammaturgia Emergente e alla biennale dei giovani artisti dell'europa e del mediterraneo.

Nel 1999 scrive "Ciccia Bomba" finalista al premio "Studio 12". 

Nel settembre dello stesso anno fonda insieme ad altri autori teatrali il gruppo Target e la testata "Tempi moderni".

Sempre nel '99 scrive "La macchina" selezionato per la manifestazione Enzimi 2000 e vincitore del premio speciale Snad 2000.

Sempre nel 99 scrive "a Salisburgo per l’eclissi".

Nell'estate del 2000 scrive "Rovescio della medaglia".

Nello stesso periodo fonda il sito internet Dramma.it che tuttora dirige.

Nel gennaio 2001 vengono ripresi "La soffitta" con la regia di Raffaello Regoli e "Le linee di Nazca" allestito dalla compagnia della Medusa con la regia di Sergio De Sandro Salvati.

Un nuovo allestimento de "Le linee di Nazca" diretto da Marco Muccioli, vince come miglior testo la rassegna "Schegge d'autore" (Aprile 2001). 

Nel novembre 2001 la compagnia "I gatti di scena" vince il premio come miglior monologo interpretando "Cicciabomba" nel concorso "Prendiamo la parola" a Torino.

Nel dicembre 2001 partecipa, anche come promotore, alla maratona "Scrittori per la pace" (Premio Hystrio 2002 per la drammaturgia) in scena al Teatro Vascello di Roma, all'I.T.C. di San Lazzaro a Bologna e al Teatro di Porta Romana a Milano con il suo testo "Tutti uguali". 

Nel 2002 al Teatro Belli va in scena "Zac" nell'ambito della rassegna "Schegge d'autore" per il quale riceve una segnalazione dalla giuria.

Sempre nel 2002 il suo dramma "Rovescio della medaglia" vince la IV edizione del Premio Rosso di San Secondo. 

Nell'ambito della rassegna di Teatro civile al Vascello di Roma va in scena nel maggio 2002 la lettura del suo testo "Tutta un'altra storia" con la regia di Edoardo Erba.

"Terramadre" vince il secondo premio alla XXVIII edizione del Fondi La Pastora per il teatro.

"Rovescio della medaglia" debutta a Taranto (febbraio 2003) con la regia di Sergio De Sandro Salvati. Nello stesso anno scrive "Zanzare" per la II edizione di "Scrittori per la pace" in scena al Teatro Vascello di Roma nell'aprile del 2003. 

A marzo 2003 esce il libro da Editoria&Spettacolo che raccoglie i testi "Rovescio della Medaglia" e "Terramadre".

Nello stesso anno termina di scrivere "Ad Majorana" e l'atto unico "Rami secchi".

Una lettura drammatizzata di Rovescio della medaglia, diretta da Valentina Colorni  partecipa al festival "Tramedautore" al Teatro Franco Parenti di Milano. Al Teatro Aurora di Fibbiana (Firenze) debutta "A Salsburgo per l'eclissi" e viene ripreso "Il Terremoto" per la regia di Sandro Billeri.

A partire dal 2003 tiene corsi di drammaturgia a Roma ed in altre città.

Nel marzo 2004 al Teatro G.Modena di Mori (Rovereto) debutta "Terramadre" produzione Compagnia dell'Attimo, regia di Alex Franchini. Nello stesso periodo Il suo corto "Il lettino" partecipa al Teatro Eliseo di Roma alla serata di Teatro civile dedicata al lavoro. "Rami secchi" apre la manifestazione "Furilautore! (assaggi)" al Teatro Piccolo Re di Roma nel giugno 2004.

Dicembre 2004 debutta al Teatro Cilea di Reggio Calabria "Terramadre" prodotto dal Teatro stabile di Calabria per la regia di Francesco Marino.

Tra il 2005 ed il 2007 collabora in qualità di drammaturgo con la compagnia Les enfants terribles diretta da Francesco Marino. Per loro scrive: La gente è matta (2005), In casa del giudice (Circa quaranta repliche nel 2006), La pietra filosofale? Quasi (2006), Sovranità limitata (2007).

Nell'ottobre 2007 debutta un nuovo allestimento di "Rovescio della medaglia" con la regia di Julio Solinas, ripreso anche la stagione successiva. Viene anche ripreso per alcune repliche "In casa del giudice".

Tra il 2008 e il 2009 scrive: "Il prestatore", commissionato da Duccio Camerini,  "La cena", "Il sangue di Imma" (finalista al Premio Enrico Maria Salerno).

Nel 2012 è tra i fondatori del Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contempornea di cui è eletto membro del Consiglio direttivo.

Nel 2012 partecipa con l'inedito e incompiuto testo "Sotto metri di neve" alla manifestazione "Teatro futuro" di Marco Maltauro e Pierpaolo Fiorini.

Nel 2013 i suoi corti "Zac", "Il lettino" e "Tutta un'altra storia" partecipano alla rassegna itinerante "Teatri in provincia" diretta da Duska Bisconti.